facebook google plus twitter ../contattaci

Guida: L'Istogramma con Gimp

Tutorial per capire al meglio ed imparare a leggere l'istogramma di Gimp.

Quando si scattano fotografie non è facile capire se l'esposizione è corretta, soprattutto "sul campo", dovendo utilizzare come unico riferimento il display della fotocamera che il più delle volte è troppo piccolo ed oscurato dalla luce solare.

Esempio di istogramma.

A questo proposito ci viene in aiuto l'istogramma. Tutte le fotocamere di fascia medio-alta hanno la possibilità di visualizzarlo in un modo o nell'altro, per trovare come vi rimando al manuale della vostra macchina fotografica. Ammesso che siate riusciti ad attivare questa funzione, vi troverete davanti a un grafico in bianco e nero che quasi sicuramente non avrà nessun senso per voi, anche se va detto che saper leggere questo fondamentale strumento cambierà in maniera radicale la qualità dei vostri scatti, o meglio, annullerà o quasi gli scatti da buttare in quanto troppo bui o luminosi.

Istogramma pompieri.

Quella che vedete qui sopra è una fotografia con il suo relativo istogramma; Se avete aperto una foto su Gimp e volete visualizzare quello della vostra fotografia è sufficiente andare nel menu Colori - Livelli. Ora la domanda fondamentale è: come si legge questo grafico?
L'istogramma va letto in modo "orizzontale", a sinistra si trovano i colori scuri e a destra i colori chiari, le righe verticali sono relativamente inutili, nel senso che servono solo a quantificare la quantità di pixel scuri o chiari. Nell'esempio qui sopra abbiamo una foto con molte tonalità scure (infatti a sinistra è molto "pieno"), poche tonalità medie (la parte centrale è piuttosto "bassa") e un picco sulle alte luci (siccome lo sfondo è leggermente bruciato). In linea di massima bisognerebbe cercare di evitare di avere il grafico che tocca i bordi esterni, in questo caso non abbiamo nessun problema per le tonalità scure, che salgono distanziate dal bordo, ma qualche problema con le alte luci, infatti nella parte estrema destra vediamo un "picco" molto sottile salire, è infatti visibilissimo lo sfondo bruciato.

Questa foto si potrebbe considerare riuscita male, il picco a destra non dovrebbe essere presente, ma va detto che non sempre è possibile ottenere l'esposizione perfetta, soprattutto se abbiamo due soggetti con una grande differenza di illuminazione. In questo caso i pompieri erano all'ombra di una casa e lo sfondo era esposto alla luce diretta del sole estivo delle 15.00, direi quindi che era praticamente impossibile ottenere un istogramma perfetto. Se avessi abbassato gli spot avrei corretto lo sfondo, ma le tonalità scure sarebbero arrivate a toccare il margine sinistro e quindi non avrei risolto nulla.

Istogramma cigno.
Continua dopo la pubblicità...

In questo secondo caso il tipo di istogramma è simile, vediamo infatti un picco scuro a sinistra (il lago) e una linea bassa di colori chiari a destra (il cigno). Se vi ricordate quello che abbiamo detto prima l'istogramma non va letto in verticale, quindi il fatto che i toni chiari siano molto bassi non è assolutamente un problema, questa foto è più che promossa, infatti il grafico è lontano dai due estremi. Questo significa che quando arriveremo a casa e prenderemo la foto per ritoccarla non avremo nessuna zona sottoesposta (nera) e nessuna zona bruciata (bianca), abbiamo qundi un ottimo sorgente per iniziare il fotoritocco.

Istogramma scacchiera.

Questa foto è molto più chiara, possiamo infatti notare un istogramma diametralmente opposto ai due visti finora: i toni scuri sono molto pochi mentre abbondano i toni chiari. Resta un'ultima cosa da dire: una volta che andate nel menu Colori Livelli di Gimp è possibile anche modificare manualmente i valori dei livelli di colore, nell'esempio seguente vedremo una foto piuttosto scura in cui manca completamente la parte sinistra dell'istogramma; se dovesse succedere una cosa del genere è possibile cliccare su una qualsiasi delle tre piccole frecce sotto il grafico per poterla spostare. In questa foto ho agito sulla freccia più a destra e la ho spostata fino al punto in cui inizia a salire la curva. Una volta posizionato il cursore dei chiari ho giocato leggermente anche con il centrale, qui sotto potete vedere il risultato.

Shiarire i colori.

Abbiamo quindi capito che saper modificare i livelli di una foto è una cosa a dir poco fondamentale.
Ricordate quindi di controllare sempre, quando possibile, di avere un istogramma corretto; Partire da una buona foto è fondamentale per ottenere risultati ottimi una volta terminata la post produzione, una foto sottoesposta o bruciata è quasi sempre una foto irrecuperabile. Se vi interessa, potete lavorare anche con le curve, per avere un maggiore controllo sulla correzione del contrasto.

L'utilizzo dei tutorial, a scopo non commerciale, è consentito a condizione che venga inserito un link alla homepage di questo sito.