facebook google plus twitter ../contattaci

Introduzione agli Smarphone

iOs, Android e Windows Phone sono i tre attori principali nel mercato della
telefonia mobile. Vediamo di capire quali sono le caratteristiche e le differenze.

foto di telefono touch screen Lo smartphone è diventato compagno di vita insostituibile per milioni di persone. Nel giro di pochi anni i telefoni touchscreen sono diventati uno standard ed oggi non è così strano vedere mamme cercare le ricette su internet o anziani giocare a carte o leggere il giornale sull’ipad. Generalmente sono dei rettangoli di vetro, uno schermo touch senza tastiera. Il termine Smart significa intelligente, phone significa telefono. Questo ci fa intuire che telefonare è diventata quasi una funzione accessoria dei prodotti che oggi dominano gli scaffali dei negozi di elettronica. Senza divagare su quanto sia cambiata la nostra vita grazie alla tecnologia, in questa guida cercheremo di analizzare in modo obbiettivo i tre diversi autori di questo cambiamento, ovvero Android, iOs e Windows Phone.

Aggiornamento: il supporto a Windows Phone è attualmente sospeso, in attesa di capire cosa farà Micorsoft e l'eventuale comparsa di nuovi attori nella telefonia mobile (Huawey?) lasciamo comunque il capitolo dedicato a scopo puramente didattico.

Introduzione, i tre attori del mondo mobile:

logo of Android Android è un sistema operativo open source sviluppato da Google, ad oggi è il più venduto sul mercato. Giusto per chiarire le idee, stiamo parlando dei prodotti di Samsung, Xiaomi, Huawey e molti altri marchi più o meno conosciuti. Al contrario dei suoi concorrenti, Google con Android ha preferito orientarsi ad un pubblico più tecnologicamente disinvolto, è sicuramente il sistema più appropriato per chi cerca un prodotto più avanzato e con le minori limitazioni possibili. La differenza principale con i suoi antagonisti è la possibilità di fare praticamente tutto quello che viene fatto con un computer (potenza di calcolo ed interfaccia permettendo), compresa la gestione dei file in archivio con accesso alle varie cartelle di sistema, oppure lo scambio dati tra smartphone senza alcuna limitazione. Pur essendo un prodotto più evoluto, può comunque essere utilizzato senza troppe difficoltà anche da chi non ha una grande dimestichezza con la tecnologia. L’utilizzo di base è infatti piuttosto intuitivo, anche se qualche volta potrebbe essere necessario perdere un po’ di tempo per capire come fare alcune operazioni. In ogni caso con un po' di voglia di imparare e qualcuno a darvi le basi, vedrete che non è poi così difficile. Il sistema è quindi apparentemente piuttosto semplice, ma andando a scavare più a fondo, troverete molti menu ed applicazioni che vi permetteranno di personalizzare praticamente qualsiasi cosa: Dalla grafica, alle animazioni, le icone, i caratteri, spesso addirittura il colore del led di notifica.
Viene quindi da chiedersi quali sono i difetti di Android, siccome a leggere queste righe sembrerebbe quasi una scelta ovvia.
In primo luogo il mercato delle applicazioni è piuttosto confusionario: anche se ci sono centinaia di migliaia di app, quelle di livello davvero eccellente non sono che qualche centinaia.
In secondo luogo i telefoni sono praticamente migliaia, spesso molto personalizzati dal costruttore, tanto da rendere la frammentazione un problema quasi insormontabile. Questo significa che spesso, poco tempo dopo l'uscita, non si riceveranno più gli aggiornamenti del sistema operativo. Esistono inoltre molti prodotti, generalemente di fascia medio bassa, con qualche anno alle spalle, che sono obbiettivamente troppo lenti. Alcune persone installano decine di applicazioni poco raccomandabili, rendendo lenti anche telefoni che normalmente vanno benissimo o riempiendosi di pubblicitò. In ogni caso, nemmeno andando sulla fascia molto alta, avrete mai la reattività e la fluidità di un iPhone nuovo. Considerate che lo scotto da pagare per avere il controllo totale del vostro telefono è un sistema che, rare volte, ha dei leggeri rallentamenti e piccole scocciature, più o meno gravi in base a quanto avete speso e la cura con cui viene utilizzato.
Come detto all’inizio, Android è installato su telefoni prodotti da diverse aziende, le principali sono: Samsung, Sony, Nokia ed LG. Ad oggi c’è anche un vastissimo mercato cinese, che propone dispositivi molto performanti ad un prezzo sicuramente concorrenziale, possiamo citare Huawei o Xiaomi come i due marchi più famosi qui in occidente.

logo of iOs

iOs ad oggi è l’oggetto del desiderio per una buona fascia della popolazione. Tanto per essere chiari, iOs è il sistema operativo di iPhone ed iPad.
Apple ha sicuramente il merito di aver fatto diventare gli smartphone un strumento per tutti. In realtà non ha inventato nulla di nuovo, i primi smartphone con Windows Mobile sono comparsi sul mercato molto prima, ma erano apparecchi davvero complicati e poco funzionali. Steve Jobs ha creduto nella tecnologia touch, l’ha semplificata ed ha ideato un prodotto molto più intuitivo e di facile utilizzo, ovvero l'iPhone, dando origine al mercato come lo conosciamo oggi.
iOs nasce per essere un sistema semplice ed immediato, utilizzabile da chiunque (dal nonno al nipote), fermo restando che per configurarlo al meglio è comunque necessaria una certa competenza con la tecnologia.
Con ogni aggiornamento di iOs vengono aggiunte nuove funzioni, ma la direzione presa sembra essere quella di diventare "leggermente più difficile da usare, ma con sempre più funzioni", quindi un'ottima cosa per molti, ma un piccolo tradimento nei confronti di chi si era affezionato al sistema precedente. La maggior semplicità d’uso ha comunque un prezzo, che si paga in libertà di utilizzo. Molte volte operazioni che potrebbero sembrare banali non possono essere effettuate, come ad esempio la condivisione di contenuti tramite bluetooth, impostare una canzone in mp3 come suoneria, collegarlo al pc come se fosse una chiavetta, oppure la copia della rubrica sulla scheda sim. La grafica inoltre non può essere modificata, riducendo al minimo le personalizzazioni possibili. Sono limitazioni che possono infastidire alcuni, ma per altri sono talmente marginali che non ne sentono la mancanza.
Sicuramente iOs è il sistema che, fra tutti, è il più facilmente riconoscibile. Chi non ha mai sentito parlare di iPhone? Il fatto di essere il più famoso, non lo rende comunque il migliore. Android è sicuramente più evoluto, Windows Phone è ancora più facile da usare. Perchè quindi iPhone ed iPad continuano ad essere l’oggetto del desiderio per milioni di persone? I motivi principali sono due e sono quasi gli unici veri vantaggi che iOs ha da offrire.
Il primo motivo è il mercato delle applicazioni, che è davvero eccellente. Apple infatti è molto attenta ad ogni singola app che vuole comparire sul suo store, questo riesce a garantire che qualsiasi applicazione aggiuntiva sia perfettamente integrata a livello grafico, sempre fluida e con pochissimi problemi.
Il secondo motivo è la costruzione. Hardware e software si sposano alla perfezione e, a parte per i modelli più datati, la fluidità è ai massimi livelli. Potete stare sicuri che i loro prodotti sono costruiti con un’attenzione quasi maniacale ad ogni singolo dettaglio, sono oggetti di design prima di qualsiasi altra cosa, sempre però a scapito della flessibilità di utilizzo e del portafoglio. I prodotti Apple costano di media molto più di Android, a parità di caratteristiche.

logo of Windows Phone

Windows Phone è l’ultimo arrivato nel mondo della telefonia mobile, ed è anche stato il primo ad andarsene. Come accennato ad inizio articolo purtroppo Microsoft ha sospeso la distribuzione e la vendita degli apparecchi Windows Phone. Un vero peccato, in quanto avrebbero potuto ritagliarsi una buona fetta di mercato, se solo fossero stati più lungimiranti. Windows mobile era scattante, veloce e con una grafica molto sobria. Microsoft era finalmente riuscita a rendere gli smartphone ancora più semplici da utilizzare, togliendo lo scettro dell’usabilità alla Apple ed all'iPhone.
Come abbiamo anticipato prima, sicuramente uno dei principali motivi del successo di Windows Phone è stato il fatto di essere stato marchiato inizialmente da Nokia (ad oggi venduta da Microsoft). Sono quasi sicuro che molte persone lo hanno preso senza nemmeno sapere cosa stavano comprando, solo per il fatto di essere affezionati al marchio Nokia da decenni. Sicuramente hanno avuto fortuna, nel senso che il prodotto, pur essendo stato per molti un “salto nel vuoto” è stato sicuramente molto valido.
I dispositivi Windows Phone erano minimali, con una schermata iniziale composta da “Tile”, delle specie di “piastrelle” che potevano essere spostate, aggiunte o tolte, ridotte o ingrandite in base alle necessità. In questo modo era possibile avere sempre a portata di dito le funzioni più usate. Scorrendo verso destra appariva un menù testuale a cascata, in cui apparivano tutte le funzioni. Questo permetteva di iniziare ad usare il telefono quasi senza difficoltà, fin dai primi minuti.
Inizialmente il mercato era rimasto abbastanza indifferente nei confronti di Microsoft, ma con l’aiuto del marchio Nokia ed un’ottima copertura di tutte le fasce di prezzo, infatti le vendite inizialmente sono aumentate drasticamente. Io stesso sono stato per alcuni mesi un felice possessore di un Nokia Lumia 1020. Ovviamente c'erano anche alcuni lati negativi. Come accade con l'iPhone, il prodotto aveva dei forti limiti e molte funzioni risultavano bloccate, come il bluetooth.
Quello che però ha sicuramente determinato la fine dei telefoni Lumia è stato senza dubbio il Microsoft Store. Pochissime applicazioni e poco interessanti.

Continua dopo la pubblicità...

Interfaccia utente

Android è un sistema evoluto, ma la bravura di Google è stata quella di creare un’interfaccia che permetta all’utente più smaliziato di passare ore a smanettare, senza però creare un sistema eccessivamente complicato per chi è alle prime armi. Tutte le funzioni “difficili” sono nascoste agli occhi di chi non vuole complicarsi troppo la vita ed il primo impatto è estremamente piacevole, anche se dei tre è sicuramente quello meno intuitivo. Le schermate delle applicazioni sono separate dal menu, un po’ come con il computer. In pratica la schermata che appare ogni volta che usate il telefono non è il menu delle applicazioni, ma contiene solo quello che volete metterci voi. È quindi possibile renderlo molto pulito, mettendo solo un orologio e due icone su sfondo nero, come riempirlo completamente di icone, pulsanti, orologi, magari il tutto con uno sfondo con un fondale oceanico animato con tanto di pesci. Sicuramente la parola d’ordine è personalizzazione.

interfaccia di andorid screenshot

iPhone ha sempre spinto molto su un sistema di facile utilizzo e lo si può notare fin dalla prima accensione. Quattro icone personalizzabili in basso, sempre in primo piano, e tutte le applicazioni in bella vista sulle schermate iniziali. Le applicazioni possono essere raggruppate per cartelle e spostate tra le varie pagine. Pur essendo possibile qualche minima personalizzazione, il tutto è piuttosto “monolitico”. Poche funzioni, ma che funzionano bene, nel puro stile Apple.

interfaccia di iOs screenshot

Windows phone era caratterizzato da un design minimale. Dalla schermata iniziale si poteva accedere alle applicazioni più utilizzate, rappresentate da quadrati colorati personalizzabili su sfondo nero. Spostandosi verso destra appariva un menù testuale a cascata, sempre su sfondo nero, in cui tutte le applicazioni installate erano presentate in ordine alfabetico. Dal menù era possibile personalizzare solo il colore delle icone e cambiare lo sfondo da nero a bianco. Una presentazione piuttosto scarna, ma sicuramente più immediata e leggibile rispetto alla concorrenza.

interfaccia di windows phone screenshot

Caratteristiche

Le caratteristiche dei vari dispositivi sono all’incirca sempre le stesse. Tutti e tre i principali concorrenti, indipendentemente dalla fascia di prezzo, permettono di navigare su internet con Wi-Fi o rete cellulare, installare Whatsapp, funzionare come navigatore GPS, aprire le e-mail, visualizzare Facebook, Instagram o altri social network, navigare su internet, scaricare applicazioni aggiuntive e scattare fotografie. L’interfaccia è quasi sempre touch screen con pochi tasti fisci (volume, home ed accensione, ma con il tempo spariranno anche quelli).
Le caratteristiche che differenziano i vari prodotti sono principalmente il design, lo schermo, la batteria e la fotocamera, per il resto possiamo dire che in fasce di prezzo simili, si trovano prodotti più o meno simili, riducendo molto spesso la scelta ai puri gusti estetici o di preferenze di marchio, una volta definito il budget. Pur essendoci tantissime cose a differenziare i vari prodotti (batteria, risoluzione dello schermo, potenza del processore, quantità di Ram) non ci sembra questo il luogo per approfondire questi aspetti, essendo questa una guida per principianti. Se siete in cerca di un nuovo telefono vi consigliamo quindi di chiedere ad amici e conoscenti, frequentare siti specializzati o chiedere aiuto ad un negoziante (a patto di essere sicuri che sia una persona onesta e competente).
Ovviamente vale la regola che, se spendete poco, difficilmente avrete tanto. In linea di massima l’ideale è spendere almeno 150€ per essere contenti, indipendentemente dell’acquisto fatto. In pratica oggi ogni telefono offre un’esperienza d’uso più che soddisfacente, se prendete un marchio famoso potete stare certi che non ne sarete delusi.
Ovviamente non vogliamo insinuare che un telefono da 150€ vale come uno da 700€, ogni apparecchio ha caratteristiche che lo distinguono in base alla fascia e che possono determinare differenze anche molto importanti, come ad esempio la qualità della fotocamera, la potenza del processore, la qualità del display e molte altre cose.
Qui vorremmo fare un esempio che ci piace tanto e che usiamo spesso in negozio: I telefoni sono come le automobili: Tutte ti portano da Milano a Venezia, ma la Mercedes ti ci porta meglio della vecchia Panda. Se però il tuo mezzo è la Panda, per un motivo o per l’altro, usi quella e arrivi comunque.
Se siete alla prima esperienza e non siete sicuri dell’acquisto vi consigliamo di comprare un apparecchio di prezzo medio/basso, per poi analizzare effettivamente l’utilizzo personale ed orientarsi successivamente su fasce di prezzo più impegnative, una volta sicuri che il sistema vi soddisfi.
Una delle cose che andrebbe considerata con maggiore attenzione è la dimensione del display: Uno schermo grande permette una migliore visibilità ed una maggior precisione con il touch screen, ma ovviamente determina un telefono più grande nelle tasche e difficilmente manipolabile da chi ha mani piccole.

Fascia di prezzo

Android è un sistema operativo installato da diversi produttori che copre tutte le fasce di prezzo del mercato. Samsung, Sony, Lenovo Motorola, LG, Huawei, Xiaomi e molti altri. La fascia di prezzo varia da telefoni molto economici sotto gli 80€ fino ad arrivare al top di gamma da 1000€ ed oltre. Questo grande ventaglio di prezzi permette a tutti gli utenti di avvicinarsi al mondo degli smartphone stabilendo la cifra giusta da investire in base alle possibilità. Ovviamente vale sempre la regola "chi più spende, meglio spende" nel senso che a prezzi troppo bassi, spesso corrispondono caratteristiche di fascia bassa: Un po' lento, poca memoria, uno schermo così così, una fotocamera poco più che decente, batterie più piccole e via dicendo.
La scelta tra diversi produttori permette inoltre di affezionarsi ad una marca in particolare, come di cambiare produttore nel caso di brutte esperienze. Ci sono costantemente nuove uscite sul mercato, anche troppe, ma queste portano una maggiore concorrenza, che porta prezzi migliori e maggior ricerca e sviluppo.
Come per qualsiasi altro oggetto elettronico, una spesa maggiore permette l’accesso a un dispositivo molto più reattivo, con display e fotocamera migliori, tecnologie più avanzate ed una dotazione hardware più raffinata.

L'iPhone è stato concepito come un apparecchio di fascia alta e non si vede nessuna tendenza al ribasso dei prezzi per quanto riguarda i modelli di ultima generazione.
Con un prezzo dell'ultimo modello che parte da almeno 850€ è facile intuire che l'iPhone è un top di gamma. Quando viene rilasciata una nuova serie, generalmente una volta ogni anno, i modelli precedenti si abbassano di prezzo, diventando la fascia media o addirittura bassa del mercato se si va sull'usato. Va detto che spesso i vecchi modelli, soprattutto dopo l'aggiornamento software, diventano piuttosto lenti, vanificando molti dei vantaggi che ha comprare un iPhone.

Windows phone era nato inizialmente come un sistema installato da più marche, ma dopo l’acquisto di Nokia da parte di Microsoft si era passati praticamente ad un unico costruttore. A differenza di Android quindi il prodotto veniva costruito da una sola azienda, che però copriva tutte le fasce di prezzo. Si potevano quindi trovare modelli a partire da 150€ fino ad arrivare ai 700€ per il top di gamma. Sicuramente questa scelta rendeva Windows Phone appetibile a tutti, riuscendo infatti a garantire un ottima esperienza d’uso fin dai modelli più economici ed installando caratteristiche particolari sui modelli più costosi (ad esempio fotocamere molto performanti, per quanto possibile).

Altri sistemi operativi

Al momento della revisione di questo articolo, gli attori principali sono quindi solo due: Android e iOs. Alcune aziende stanno cercando un loro spazio nel mercato ed altre stanno cercando di sopravvivere schiacciate dalla concorrenza e dalla politica (vedi Huawey). Non possiamo sconsigliarvi l’acquisto di apparecchi poco conosciuti, ma vorremmo invitarvi a riflettere sui problemi con smartphone poco supportati e consigliarvi di pensare bene all’acquisto prima di procedere in un “salto nel buio”. Molti, giustamente, amano essere pionieri della tecnologia, altri non si fanno influenzare dalle marche più conosciute e decidono di dare la propria fiducia a produttori emergenti, altri ancora restano fossilizzati su un marchio ormai al declino. Sono scelte rispettabili, ma non crediamo abbia senso parlarne qui. Nell’ottica di questo articolo per neofiti, parlarne creerebbe solo confusione. Nel caso qualche nuovo sistema operativo dovesse farsi avanti nel mondo della telefonia mobile, se sarà ad un buon livello come i due "big", saremo pronti a scriverne.

 L'utilizzo dei tutorial, a scopo non commerciale, è consentito a condizione che venga inserito un link alla homepage di questo sito.